Verso il multi-cloud

Come monetizzare la gestione self-service multi-cloud con il nuovo endpoint VCD per vRA

Facendo leva sul desiderio di sperimentare i vantaggi del cloud anche nell’on-premises è possibile offrire nuove funzionalità che possono conquistare nuove fette di mercato e proporre dei miglioramenti ai propri clienti supportandone la migrazione.

22 Dic 2021

Man mano che i clienti iniziano ad adottare gradualmente il cloud pubblico per una parte del loro business, ne realizzano man mano i vantaggi e desiderano un’esperienza self-service simile a quella del cloud pubblico anche per i loro ambienti on-premises. Secondo una ricerca sul self-service cloud di Freeform dynamics, il 43% dei clienti intervistati afferma che la modalità “self-service” è un fattore chiave per DevOps e Continuous Delivery efficaci.

Cos’è l’endpoint VCD per vRA?

VMware Cloud Director endpoint per vRealize Automation automatizza la gestione self-service multi-cloud con vRealize Automation e VMware Cloud Director. Con questa release, i clienti di vRealize Automation possono ora connettersi a un ambiente VMware Cloud Director, utilizzare rapidamente i cloud basati su Cloud Director e guidare i servizi di Cloud director direttamente dai template di vRA.

Questo nuovo endpoint offre il meglio dei due mondi: i vantaggi di vRA e VCD sia per i clienti che per i provider. Con vRA, i clienti possono sfruttare i moderni modelli, il catalogo, la governance, il pipelining e l’estensibilità, mentre VCD porta l’infrastruttura multi-tenanted e i cataloghi di vApp.

Figura 1: Diverse tipologie di account cloud a disposizione

Vantaggi del nuovo endpoint VCD per vRA:

  1. Monetizzare le risorse VCD con clienti vRA BYOL

  • Vantaggi per i fornitori: Con VMware Cloud Director come endpoint per vRA, i provider possono effettuare l’upselling delle risorse SDDC del cloud provider (calcolo, network e storage) ai team DevOps e QA dei clienti per i loro progetti. L’endpoint VCD per vRA consente ai provider di supportare i clienti vRA Advanced oltre ai clienti vRA Enterprise, aiutando i partner VMware Cloud Provider a soddisfare le necessità di un segmento esclusivo di clienti e a differenziare la loro offerta dagli hyperscaler.
  • Vantaggi per i clienti: Ora i clienti hanno la portabilità della propria licenza e la flessibilità che permette loro di connettersi a VMware Cloud Director come endpoint sia con licenze vRA advanced che vRA enterprise. C’è anche la possibilità di scegliere di lavorare con oltre 1100 partner VMware Cloud Provider di fiducia che possiedono e gestiscono VCD, soprattutto nelle zone geografiche in cui non sono disponibili i Cloud Hyperscaler

  1. Consentire all’IT dei provider di distribuire automaticamente le soluzioni per i team interni di DevOps e QA

Come Cloud Provider, è possibile utilizzare vRealize Automation per il deployment in VCD per il proprio caso d’uso. Con l’endpoint VCD per vRA, vRA offre controlli di gestione dei servizi che consentono di mantenere il controllo e l’autorizzazione delle modifiche nell’ambiente VCD.

I provider possono definire e gestire modelli, policy, approvazioni per i team IT e possono persino offrire modelli in un formato di catalogo usufruibile in modalità self-service. I team IT dei provider hanno ora la possibilità di utilizzare lo stesso catalogo self-service, i contenuti e le policy, fornendo operazioni centralizzate e semplificate con visibilità e gestione unificate in ambienti multi-cloud. Inoltre, è possibile ridurre il tempo di auto-deployment da quasi un giorno a pochi minuti, risparmiando sui costi di sviluppo ed evitando errori di installazione e configurazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5